Patagonia

Se la vita all’aria aperta e i paesaggi meravigliosi sono le cose che ti piacciono, Girovai.com ti porta a esplorare la terra dei ghiacciai, la cordigliera delle Ande e i suoi laghi, percorrendo i sentieri usati dagli avventurieri che sono arrivati per primi in questa parte della “Fine del mondo” condivisa da Argentina e Cile.

Visualizza tutti i programmi



Geografia

Grazie alla sua capricciosa geografia, dove abbondano laghi, canali marittimi, zone termali, fiordi e fitti boschi nativi, la Patagonia offre una bellezza naturale che si esprime in scenari molto diversi tra di loro e dove è possibile avventurarsi per realizzare numerose attività a contatto con la natura come trekking, camminate sui ghiacci, kayak in mare e su fiume, pesca sportiva e passeggiate a cavallo.

La Patagonia si divide in due zone:

1) Patagonia occidentale o cilena;

2) Patagonia orientale o argentina.

In parte di questa zona la cordigliera delle Ande è il limite naturale che divide i due paesi e il lato argentino e quello cileno presentano caratteristiche differenti.Durante l’ultima glaciazione, la Patagonia fu coperta di ghiacci che ne hanno eroso fortemente la superficie. È per questo che nella parte occidentale, la cordigliera della Costa ha dato origine a una serie di arcipelaghi, come quello di Chiloé e quello di Chonos, per poi morire nell’Isola di Taitao. Più a sud, dove le Ande scendono progressivamente, l’erosione dei ghiacci ha prodotto i fiordi. Quando incontra l’oceano, la cordigliera delle Ande si smembra formando un’infinità di isole e isolette per poi scomparire a Capo Horn, dove si immerge nel passo Drake, e riapparire nell’arco delle Antille del sud e infine nella penisola Antartica.Durante l’ultima glaciazione, la Patagonia fu coperta di ghiacci che ne hanno eroso fortemente la superficie. È per questo che nella parte occidentale, la cordigliera della Costa ha dato origine a una serie di arcipelaghi, come quello di Chiloé e quello di Chonos, per poi morire nell’Isola di Taitao. Più a sud, dove le Ande scendono progressivamente, l’erosione dei ghiacci ha prodotto i fiordi. Quando incontra l’oceano, la cordigliera delle Ande si smembra formando un’infinità di isole e isolette per poi scomparire a Capo Horn, dove si immerge nel passo Drake, e riapparire nell’arco delle Antille del sud e infine nella penisola Antartica.

Durante l’ultima glaciazione, la Patagonia fu coperta di ghiacci che ne hanno eroso fortemente la superficie. È per questo che nella parte occidentale, la cordigliera della Costa ha dato origine a una serie di arcipelaghi, come quello di Chiloé e quello di Chonos, per poi morire nell’Isola di Taitao. Più a sud, dove le Ande scendono progressivamente, l’erosione dei ghiacci ha prodotto i fiordi. Quando incontra l’oceano, la cordigliera delle Ande si smembra formando un’infinità di isole e isolette per poi scomparire a Capo Horn, dove si immerge nel passo Drake, e riapparire nell’arco delle Antille del sud e infine nella penisola Antartica.

Nelle Ande patagoniche spiccano grandi masse gelate, conosciute come Campi di Ghiaccio, che rappresentano la maggiore riserva di acqua dell’emisfero sud, esclusa l’Antartide.


Flora y Faune

Nelle regioni meridionali del paese si trovano grandi estensioni di boschi sempreverdi, tra i quali spicca per la sua importanza economica il cipresso della Guaiateca, endemico della regione più australe del mondo e oggi quasi scomparso.

Verso l’interno si sviluppano boschi caducifoglie, dove predomina il roble bianco e, più a est, grandi distese del prato duro della steppa.

Nell’estremità australe della Patagonia, la vegetazione si riduce ad alcune piante tozze come l’albero della cannella, il faggio australe e il nirre, oltre a diverse speci di arbusti ed erbacee, muschi e licheni.

Nella steppa patagonica vivono guanaco, nandù, armadilli nani, armadilli pelosi, puma e volpi. In questa zona si è sviluppato l’allevamento estensivo di ovini, che ha avuto nelle fattorie la sua maggiore espressione sociale e culturale. Il cervo andino, presente nello scudo del Cile e che anticamente abitò la maggior parte del paese, oggi rimane solo in aree di difficile accesso. Nella fauna del litorale troviamo leoni ed elefanti marini, pinguini, cormorani e balene franche.


Storia

I primi abitanti della Patagonia furono i Chonos, che hanno cominciato a estinguersi intorno al 1870. Ma sono stati soprattutto i Tehuelche, popolo nomade che arrivò fino alla Terra del Fuoco, a lasciare una traccia permanente del loro passaggio.

Ancora oggi si possono apprezzare le loro pitture rupestri, così come disegni e pitture che compaiono in varie cartoline della regione. I Tehuelche ebbero anche contatti con i conquistadores spagnoli e si servirono dei loro cavalli per coprire le distanze in meno tempo, cacciare e commerciare in pelli e animali.

Altri popoli originari della regione più australe furono Onas o Selknam, Yamanes o Yaganes e Alacalufe o Kaweskar. Questi popoli nomadi si stabilirono in diverse zone, sfruttando le risorse naturali per sopravvivere. Molti vivevano esclusivamente di quello che gli forniva l’oceano, utilizzando gli animali per l’alimentazione e il resto per costruire case, calzature e vestiti.

A partire dal 1810 iniziarono le esplorazioni, le conquiste e vennero fondati i primi centri abitati. Più tardi, già nel XX secolo, cominciarono ad arrivare in Patagonia le imprese industriali e di bestiame. Di conseguenza molte famiglie, provenienti da altre zone del paese, emigrarono verso il sud. Nel frattempo centinaia di persone, dalla fine del XIX secolo in poi, erano arrivate nella Terra del Fuoco in cerca d’oro. Oggi la regione ha un enorme potenziale, non solo turistico, ma anche energetico, e sono presenti installazioni per l’estrazione di petrolio e carbone minerale.


Climate

Un clima estremamente umido caratterizza il litorale a sud di Puerto Montt, dove le precipitazioni molte volte superano i 2.000 mm all’anno.

L’alta frequenza di sistemi frontali che attraversano la regione da est a ovest spiega l’elevata percentuale di giorni in cui il cielo è coperto (20-25 al mese). L’effetto oceanico contribuisce a rendere le temperature moderate: più alte durante l’inverno e più basse in estate rispetto all’entroterra. Nella parte occidentale della regione, l’effetto di “”ombra pluviometrica”” della cordigliera delle Ande, spiega il clima notevolmente più secco e il basso livello di precipitazioni annuali.

Per visitare la Patagonia si raccomanda:

  • Buono stato di salute.
  • Buona disposizione ad accettare gli imprevedibili cambi climatici, aspetto caratteristico della regione più australe del mondo.
  • Informarsi sul luogo che avrete la possibilità esplorare.


Cosa Portare

Cosa Portare

Occhiali da sole con filtro UV, protettore solare, balsamo per labbra, macchina fotografica e telecamera, pile di riserva, binocolo, magliette facili da asciugare, giacca di polar o simile, giacca impermeabile in tessuto respirabile, guanti di polar o simili per i più freddolosi, calze o calzamaglie in fibra facili da asciugare, pantaloni impermeabili e pantaloni pesanti, scarpe da trekking alte per evitare slogature, sacco a pelo in fibra sintetica (-20ºC a 0ºC), materrasino preferibilmente gonfiabile.


Generale Modulo di contatto

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Preferito Data
Il tuo nome *
Numero di telefono *
Nazionalità
La tua email *
Interessato a
Il tuo messaggio
Come hai saputo di noi?
Si prega di inserire il codice captcha
captcha